Lo scambio - Sul fondo - prima raccolta

Lo scambio
Una corrida sopra la terra,
un uomo coperto di fuoco,
un toro bendato dalla tristezza.

Sta ritto.
Guarda l'uomo trafiggerlo più volte
ma non si muove,
non reagisce.

I suoi occhi guardano altrove.

Non ci sono sorrisi tra gli spettatori,
solo odio, sdegno
e un silenzio
che lo accompagna alla morte.

"Che spettacolo!", disse il toro.

Oltre i fiori - Sul fondo - prima raccolta

Oltre i fiori
C'è luce qui.
Le grigie mura risplendono come in festa

ma non esiste festa
né per loro, né per noi
che portiamo fiori.

Sono stato ore a fissare quelle foto,
quei volti,
dondolandomi a quella melodia triste
nell'aria ferma
e guardando i ricordi scomparire in essa,
mossi dal vento
che tutto accompagna.

Anello d'Oro - Sul fondo - prima raccolta

Anello d'oro
Giocava con l'anello
immersa nei suoi pensieri,
sprofondata nella fitta nebbia
che le viveva dentro.

E il tintinnio sotto le unghie,
e il sospiro di Dio
che aveva deciso di strapparle una parte.

Pieghe su pieghe,
sotto, più sotto:
gli occhi cancellati dalla vecchiaia
sostavano oltre il piano reale,
oltre il respiro della terra,
oltre il semplice cammino.

Non c'è più tempo.
Qualche scorcio di luce e poi...
via.
Andiamo via.

Lettera al Giornale - Sul fondo - prima raccolta

Lettera al giornale
Si accasciò al suolo
con il cuore tra le mani,
contemplando il suo sogno
spegnersi con lei

e fu il vuoto dietro quegl'occhi spenti.

e fu il vuoto dentro la mia testa.

La stanza dell'Assassino - Sul fondo - prima raccolta

La stanza dell'assassino
In una stanza ormai vuota
giaceva imprigionato l'assassino.
Ma di libertà nel fuggire
non aveva
perchè di urla e sguardi
erano le sue mura.

E quando cambiò stanza,
vuota la cella ed i suoi occhi,
nulla fu diverso
se non gli abiti grigi,
non più sporchi di sangue
ma solo di fredde macchie.

Di prigioni ce ne sono tante
e non solo per assassini o furfanti,
ma anche per chi vive senza sapere
come far scorrere il sangue
nelle proprie vene.